Trinità (commento) – Abbasso la metafisica, viva la storia

Settimana scorsa, con la Pentecoste, si è chiuso il Tempo di Pasqua ed è ricominciato il Tempo ordinario, che ci accompagnerà per tutta l’estate e buona parte dell’autunno, fino alla fine dell’anno liturgico.

Questa domenica, però, la liturgia non ci riserva una domenica “ordinaria”, ma ci presenta una nuova solennità, quella della Santissima Trinità.

Le letture scelte fanno riferimento alle tre persone di Dio (vengono citati Dio Padre, Gesù Cristo, lo Spirito Santo) e anche la prima lettura, tratta dall’Antico Testamento, presenta la Sapienza come figura del Figlio, di essa infatti si dice che è stata «formata, fin dal principio, dagli inizi della terra».

È sempre un po’ difficile per me, che sono una teologa, parlare di questi argomenti, da un lato così classicamente teologici, dall’altro così lontani dalla vita di tutti i giorni. Leggi tutto “Trinità (commento) – Abbasso la metafisica, viva la storia”

Trinità (letture)

Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 16,12-15)

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso. Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future. Egli mi glorificherà, perché prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà. Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà». Leggi tutto “Trinità (letture)”

Pentecoste (commento) – Ci sei dentro tu, in quella storia, e ci sono dentro io

«Se mi amate, osserverete i miei comandamenti».

Questa frase sintetizza la relazione tra l’umano e il divino, secondo Gesù.

Essa però ha bisogno di essere tolta dal fraintendimento in cui il linguaggio rischia di lasciarla.

Se infatti una persona delle nuove generazioni la leggesse, così, in maniera decontestualizzata, potrebbe anche intenderla male: quasi fosse un ricatto affettivo, che suonerebbe “Se mi ami, devi fare come dico io”. Leggi tutto “Pentecoste (commento) – Ci sei dentro tu, in quella storia, e ci sono dentro io”

Pentecoste (letture)

Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 14,15-16.23-26)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Se mi amate, osserverete i miei comandamenti; e io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Paràclito perché rimanga con voi per sempre. Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui. Chi non mi ama, non osserva le mie parole; e la parola che voi ascoltate non è mia, ma del Padre che mi ha mandato. Vi ho detto queste cose mentre sono ancora presso di voi. Ma il Paràclito, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, lui vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto». Leggi tutto “Pentecoste (letture)”

VI Domenica di Pasqua (commento) – Parole finali

Il vangelo di questa domenica è tratto dal lungo discorso che, secondo l’evangelista Giovanni, Gesù fa durante l’ultima cena.

Dopo la lavanda dei piedi, infatti, Gesù parla con i presenti, tra cui – fino a un certo punto – c’è anche Giuda Iscariota.

Quando, però, pronuncia le parole che la liturgia ci propone per oggi, Giuda se ne è già andato.

Stanno quindi per compiersi il tradimento, l’arresto, il processo e la condanna.

Questa è la situazione in cui l’evangelista colloca il discorso di Gesù ai suoi.

Sono parole finali. Leggi tutto “VI Domenica di Pasqua (commento) – Parole finali”

VI Domenica di Pasqua – letture

Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 14,23-29)

In quel tempo, Gesù disse [ai suoi discepoli]: «Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui. Chi non mi ama, non osserva le mie parole; e la parola che voi ascoltate non è mia, ma del Padre che mi ha mandato. Vi ho detto queste cose mentre sono ancora presso di voi. Ma il Paràclito, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, lui vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto. Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Non come la dà il mondo, io la do a voi. Non sia turbato il vostro cuore e non abbia timore. Avete udito che vi ho detto: “Vado e tornerò da voi”. Se mi amaste, vi rallegrereste che io vado al Padre, perché il Padre è più grande di me. Ve l’ho detto ora, prima che avvenga, perché, quando avverrà, voi crediate». Leggi tutto “VI Domenica di Pasqua – letture”

V Domenica di Pasqua (commento) – Bisogna ripensare l’amore

Il vangelo di questa domenica contiene il “comandamento nuovo”: «Come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri».

A prima vista, può sembrare una semplice esortazione buonista: amatevi.

Ma, guardandole più da vicino, queste parole contengono due grosse rivoluzioni. Leggi tutto “V Domenica di Pasqua (commento) – Bisogna ripensare l’amore”

V Domenica di Pasqua (letture)

Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 13,31-35)

Quando Giuda fu uscito [dal cenacolo], Gesù disse: «Ora il Figlio dell’uomo è stato glorificato, e Dio è stato glorificato in lui. Se Dio è stato glorificato in lui, anche Dio lo glorificherà da parte sua e lo glorificherà subito. Figlioli, ancora per poco sono con voi. Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri. Come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri. Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli: se avete amore gli uni per gli altri». Leggi tutto “V Domenica di Pasqua (letture)”

IV Domenica del tempo di Pasqua (letture)

Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 10,27-30)

In quel tempo, Gesù disse: «Le mie pecore ascoltano la mia voce e io le conosco ed esse mi seguono. Io do loro la vita eterna e non andranno perdute in eterno e nessuno le strapperà dalla mia mano. Il Padre mio, che me le ha date, è più grande di tutti e nessuno può strapparle dalla mano del Padre. Io e il Padre siamo una cosa sola». Leggi tutto “IV Domenica del tempo di Pasqua (letture)”