Mi sa che è ora di cominciare – Commento al vangelo (III Domenica di avvento)

Il vangelo di questa terza domenica di avvento ci presenta nuovamente il confronto tra Gesù e Giovanni Battista.

Ancor più chiaramente che settimana scorsa, diviene evidente il legame e, insieme, la distanza tra i due. Leggi tutto “Mi sa che è ora di cominciare – Commento al vangelo (III Domenica di avvento)”

III Domenica di avvento (letture)

Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 11,2-11)

In quel tempo, Giovanni, che era in carcere, avendo sentito parlare delle opere del Cristo, per mezzo dei suoi discepoli mandò a dirgli: «Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?». Gesù rispose loro: «Andate e riferite a Giovanni ciò che udite e vedete: I ciechi riacquistano la vista, gli zoppi camminano, i lebbrosi sono purificati, i sordi odono, i morti risuscitano, ai poveri è annunciato il Vangelo. E beato è colui che non trova in me motivo di scandalo!». Mentre quelli se ne andavano, Gesù si mise a parlare di Giovanni alle folle: «Che cosa siete andati a vedere nel deserto? Una canna sbattuta dal vento? Allora, che cosa siete andati a vedere? Un uomo vestito con abiti di lusso? Ecco, quelli che vestono abiti di lusso stanno nei palazzi dei re! Ebbene, che cosa siete andati a vedere? Un profeta? Sì, io vi dico, anzi, più che un profeta. Egli è colui del quale sta scritto: “Ecco, dinanzi a te io mando il mio messaggero, davanti a te egli preparerà la tua via”. In verità io vi dico: fra i nati da donna non è sorto alcuno più grande di Giovanni il Battista; ma il più piccolo nel regno dei cieli è più grande di lui». Leggi tutto “III Domenica di avvento (letture)”

Dalla teologia del Battista a quella di Gesù (commento al vangelo della II Domenica di Avvento)

Questa domenica facciamo il secondo passo di avvicinamento al Natale, al seguito del vangelo di Matteo.

La liturgia ci presenta la figura di Giovanni Battista. Leggi tutto “Dalla teologia del Battista a quella di Gesù (commento al vangelo della II Domenica di Avvento)”

II Domenica di Avvento (letture)

Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 3,1-12)

In quei giorni, venne Giovanni il Battista e predicava nel deserto della Giudea dicendo: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino!». Egli infatti è colui del quale aveva parlato il profeta Isaìa quando disse: «Voce di uno che grida nel deserto: Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri!». E lui, Giovanni, portava un vestito di peli di cammello e una cintura di pelle attorno ai fianchi; il suo cibo erano cavallette e miele selvatico. Allora Gerusalemme, tutta la Giudea e tutta la zona lungo il Giordano accorrevano a lui e si facevano battezzare da lui nel fiume Giordano, confessando i loro peccati. Vedendo molti farisei e sadducei venire al suo battesimo, disse loro: «Razza di vipere! Chi vi ha fatto credere di poter sfuggire all’ira imminente? Fate dunque un frutto degno della conversione, e non crediate di poter dire dentro di voi: “Abbiamo Abramo per padre!”. Perché io vi dico che da queste pietre Dio può suscitare figli ad Abramo. Già la scure è posta alla radice degli alberi; perciò ogni albero che non dà buon frutto viene tagliato e gettato nel fuoco. Io vi battezzo nell’acqua per la conversione; ma colui che viene dopo di me è più forte di me e io non sono degno di portargli i sandali; egli vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco. Tiene in mano la pala e pulirà la sua aia e raccoglierà il suo frumento nel granaio, ma brucerà la paglia con un fuoco inestinguibile». Leggi tutto “II Domenica di Avvento (letture)”

L’altro è sempre qualcosa d’altro… (commento al vangelo della I Domenica di avvento)

Questa settimana inizia il nuovo anno liturgico.

E – come di consueto – si riparte dall’avvento, cioè dal tempo di attesa del Natale.

La liturgia ci fa ricominciare dagli inizi, quest’anno seguendo il vangelo di Matteo.

Solo che – curiosamente – si parte dalla fine del libro… cioè da quelle parole che Gesù ha pronunciato, quando ormai, consapevole che il suo tempo si era fatto breve, ha annunciato ai discepoli il suo ritorno, la sua seconda venuta. Leggi tutto “L’altro è sempre qualcosa d’altro… (commento al vangelo della I Domenica di avvento)”

I Domenica di Avvento (letture)

Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 24,37-44)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Come furono i giorni di Noè, così sarà la venuta del Figlio dell’uomo. Infatti, come nei giorni che precedettero il diluvio mangiavano e bevevano, prendevano moglie e prendevano marito, fino al giorno in cui Noè entrò nell’arca, e non si accorsero di nulla finché venne il diluvio e travolse tutti: così sarà anche la venuta del Figlio dell’uomo. Allora due uomini saranno nel campo: uno verrà portato via e l’altro lasciato. Due donne macineranno alla mola: una verrà portata via e l’altra lasciata. Vegliate dunque, perché non sapete in quale giorno il Signore vostro verrà. Cercate di capire questo: se il padrone di casa sapesse a quale ora della notte viene il ladro, veglierebbe e non si lascerebbe scassinare la casa. Perciò anche voi tenetevi pronti perché, nell’ora che non immaginate, viene il Figlio dell’uomo». Leggi tutto “I Domenica di Avvento (letture)”

Cristo re: un re in croce

Questa settimana è l’ultima dell’anno liturgico, la prossima inizierà l’avvento.

Come da tradizione, l’ultima domenica del calendario della Chiesa è dedicata a Cristo Re dell’Universo.

Il vangelo scelto può apparire sconcertante perché, celebrando il Figlio di Dio signore del cosmo, ci viene proposto il brano di Gesù in croce.

Ciò che la liturgia vuole suggerirci è la domanda che inevitabilmente ci sale alla bocca: “Che razza di re è uno che ha il suo trono sulla croce?”. Leggi tutto “Cristo re: un re in croce”

XXXIV Domenica del tempo ordinario – Cristo re (letture)

Dal Vangelo secondo Luca (Lc 23,35-43)

In quel tempo, [dopo che ebbero crocifisso Gesù,] il popolo stava a vedere; i capi invece deridevano Gesù dicendo: «Ha salvato altri! Salvi se stesso, se è lui il Cristo di Dio, l’eletto». Anche i soldati lo deridevano, gli si accostavano per porgergli dell’aceto e dicevano: «Se tu sei il re dei Giudei, salva te stesso». Sopra di lui c’era anche una scritta: «Costui è il re dei Giudei». Uno dei malfattori appesi alla croce lo insultava: «Non sei tu il Cristo? Salva te stesso e noi!». L’altro invece lo rimproverava dicendo: «Non hai alcun timore di Dio, tu che sei condannato alla stessa pena? Noi, giustamente, perché riceviamo quello che abbiamo meritato per le nostre azioni; egli invece non ha fatto nulla di male». E disse: «Gesù, ricordati di me quando entrerai nel tuo regno». Gli rispose: «In verità io ti dico: oggi con me sarai nel paradiso». Leggi tutto “XXXIV Domenica del tempo ordinario – Cristo re (letture)”

Gesù: un profeta non un indovino

Il vangelo di questa domenica riporta le parole di Gesù che annunciano ai discepoli ciò che avverrà… la distruzione del tempio di Gerusalemme, guerre, rivoluzioni, sollevazioni, terremoti, pestilenze, fatti terrificanti…

Prima di procedere all’analisi di queste profezie, è utile chiarire alcuni elementi cronologici. Leggi tutto “Gesù: un profeta non un indovino”

XXXIII Domenica del tempo ordinario (letture)

Dal Vangelo secondo Luca (Lc 21,5-19)

In quel tempo, mentre alcuni parlavano del tempio, che era ornato di belle pietre e di doni votivi, Gesù disse: «Verranno giorni nei quali, di quello che vedete, non sarà lasciata pietra su pietra che non sarà distrutta». Gli domandarono: «Maestro, quando dunque accadranno queste cose e quale sarà il segno, quando esse staranno per accadere?». Rispose: «Badate di non lasciarvi ingannare. Molti infatti verranno nel mio nome dicendo: “Sono io”, e: “Il tempo è vicino”. Non andate dietro a loro! Quando sentirete di guerre e di rivoluzioni, non vi terrorizzate, perché prima devono avvenire queste cose, ma non è subito la fine». Poi diceva loro: «Si solleverà nazione contro nazione e regno contro regno, e vi saranno in diversi luoghi terremoti, carestie e pestilenze; vi saranno anche fatti terrificanti e segni grandiosi dal cielo. Ma prima di tutto questo metteranno le mani su di voi e vi perseguiteranno, consegnandovi alle sinagoghe e alle prigioni, trascinandovi davanti a re e governatori, a causa del mio nome. Avrete allora occasione di dare testimonianza. Mettetevi dunque in mente di non preparare prima la vostra difesa; io vi darò parola e sapienza, cosicché tutti i vostri avversari non potranno resistere né controbattere. Sarete traditi perfino dai genitori, dai fratelli, dai parenti e dagli amici, e uccideranno alcuni di voi; sarete odiati da tutti a causa del mio nome. Ma nemmeno un capello del vostro capo andrà perduto. Con la vostra perseveranza salverete la vostra vita». Leggi tutto “XXXIII Domenica del tempo ordinario (letture)”