XXII Domenica del tempo ordinario (commento)

Il vangelo di questa domenica ci presenta la scena in cui Gesù, per la prima volta, annuncia ai suoi discepoli che avrebbe sofferto molto a causa degli anziani, dei sommi sacerdoti e degli scribi e che addirittura sarebbe stato messo a morte.

La reazione è di totale sconcerto: non se lo aspettavano. Leggi tutto “XXII Domenica del tempo ordinario (commento)”

XXII Domenica del tempo ordinario (letture)

Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 16,21-27)

In quel tempo, Gesù cominciò a spiegare ai suoi discepoli che doveva andare a Gerusalemme e soffrire molto da parte degli anziani, dei capi dei sacerdoti e degli scribi, e venire ucciso e risorgere il terzo giorno. Pietro lo prese in disparte e si mise a rimproverarlo dicendo: «Dio non voglia, Signore; questo non ti accadrà mai». Ma egli, voltandosi, disse a Pietro: «Va’ dietro a me, Satana! Tu mi sei di scandalo, perché non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini!». Allora Gesù disse ai suoi discepoli: «Se qualcuno vuole venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua. Perché chi vuole salvare la propria vita, la perderà; ma chi perderà la propria vita per causa mia, la troverà. Infatti quale vantaggio avrà un uomo se guadagnerà il mondo intero, ma perderà la propria vita? O che cosa un uomo potrà dare in cambio della propria vita? Perché il Figlio dell’uomo sta per venire nella gloria del Padre suo, con i suoi angeli, e allora renderà a ciascuno secondo le sue azioni». Leggi tutto “XXII Domenica del tempo ordinario (letture)”

XXII Domenica del tempo ordinario (commento)

“Cristo” è la traduzione greca della parola “messia”, che significa “unto”, cioè “scelto”, “eletto”. L’unzione del capo con l’olio era infatti il gesto con cui nell’antico Israele venivano designati i re.

Gesù è unto (scelto, eletto) per svolgere una missione, quella di far conoscere Dio agli uomini. Non una conoscenza intellettualistica o dottrinale, ma una conoscenza fattiva, un mostrare chi è Dio, un farlo vedere “in azione”, attraverso “l’azione” della sua vita.

Dentro questo agire si iscrive anche la scelta di Gesù di consegnare agli umani «le chiavi del regno dei cieli». Le chiavi sono una via d’accesso: agli umani dunque è data la via d’accesso al regno dei cieli. Il “Regno” nella predicazione di Gesù non coincide col paradiso, ma con una realtà da costruire in terra: si tratta di un modo di stare al mondo fondato sull’amore, sul prendersi cura, sul far star meglio, sulla compagnia, sulla compassione. Leggi tutto “XXII Domenica del tempo ordinario (commento)”

XXII Domenica del tempo ordinario (letture)

Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 16,13-20)

In quel tempo, Gesù, giunto nella regione di Cesarèa di Filippo, domandò ai suoi discepoli: «La gente, chi dice che sia il Figlio dell’uomo?». Risposero: «Alcuni dicono Giovanni il Battista, altri Elìa, altri Geremìa o qualcuno dei profeti». Disse loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Rispose Simon Pietro: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente». E Gesù gli disse: «Beato sei tu, Simone, figlio di Giona, perché né carne né sangue te lo hanno rivelato, ma il Padre mio che è nei cieli. E io a te dico: tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa e le potenze degli inferi non prevarranno su di essa. A te darò le chiavi del regno dei cieli: tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli». Allora ordinò ai discepoli di non dire ad alcuno che egli era il Cristo.

Leggi tutto “XXII Domenica del tempo ordinario (letture)”

XX Domenica del tempo ordinario (commento)

[Scusate per settimana scorsa – ero via]

Il vangelo di questa domenica è uno di quelli che a me piace di più. Forse vi sembrerà strano, perché Gesù, almeno nella prima parte dell’episodio, risulta un po’ estraneo al nostro modo di concepirlo: non rivolge nemmeno una parola a una persona che gli chiede aiuto, che tra l’altro è una donna (quindi appartenente a una categoria solitamente da lui privilegiata) e che, per di più, non chiede qualcosa per sé, ma per la figlia… Un Gesù un po’ anomalo rispetto a quello che siamo abituati a incontrare in tante altre pagine evangeliche.

Perché allora mi piace? Leggi tutto “XX Domenica del tempo ordinario (commento)”

XX Domenica del tempo ordinario (letture)

Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 15,21-28)

In quel tempo, partito di là, Gesù si ritirò verso la zona di Tiro e di Sidòne. Ed ecco una donna Cananèa, che veniva da quella regione, si mise a gridare: «Pietà di me, Signore, figlio di Davide! Mia figlia è molto tormentata da un demonio». Ma egli non le rivolse neppure una parola. Allora i suoi discepoli gli si avvicinarono e lo implorarono: «Esaudiscila, perché ci viene dietro gridando!». Egli rispose: «Non sono stato mandato se non alle pecore perdute della casa d’Israele». Ma quella si avvicinò e si prostrò dinanzi a lui, dicendo: «Signore, aiutami!». Ed egli rispose: «Non è bene prendere il pane dei figli e gettarlo ai cagnolini». «È vero, Signore – disse la donna –, eppure i cagnolini mangiano le briciole che cadono dalla tavola dei loro padroni». Allora Gesù le replicò: «Donna, grande è la tua fede! Avvenga per te come desideri». E da quell’istante sua figlia fu guarita. Leggi tutto “XX Domenica del tempo ordinario (letture)”