XVIII Domenica del tempo ordinario (commento) – Di cosa viviamo?

Oggi vorrei soffermarmi su una frase del vangelo che spesso viene “aggirata” a causa della lettura che se ne è data in passato, che ce l’ha un po’ inimicata: «Datevi da fare non per il cibo che non dura, ma per il cibo che rimane per la vita eterna».

L’interpretazione di mentalità preconciliare era quella per cui la vita nell’aldiqua era funzionale a guadagnarsi una vita nell’aldilà; una vita dunque ottenuta grazie all’accaparramento di meriti, una sorta di conquista (e non di dono), per la quale era necessario rinunciare a tutto ciò che “non dura”. Leggi tutto “XVIII Domenica del tempo ordinario (commento) – Di cosa viviamo?”

XVIII Domenica del tempo ordinario – letture

Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 6,24-35)

In quel tempo, quando la folla vide che Gesù non era più là e nemmeno i suoi discepoli, salì sulle barche e si diresse alla volta di Cafàrnao alla ricerca di Gesù. Lo trovarono di là dal mare e gli dissero: «Rabbì, quando sei venuto qua?». Gesù rispose loro: «In verità, in verità io vi dico: voi mi cercate non perché avete visto dei segni, ma perché avete mangiato di quei pani e vi siete saziati. Datevi da fare non per il cibo che non dura, ma per il cibo che rimane per la vita eterna e che il Figlio dell’uomo vi darà. Perché su di lui il Padre, Dio, ha messo il suo sigillo». Gli dissero allora: «Che cosa dobbiamo compiere per fare le opere di Dio?». Gesù rispose loro: «Questa è l’opera di Dio: che crediate in colui che egli ha mandato». Allora gli dissero: «Quale segno tu compi perché vediamo e ti crediamo? Quale opera fai? I nostri padri hanno mangiato la manna nel deserto, come sta scritto: “Diede loro da mangiare un pane dal cielo”». Rispose loro Gesù: «In verità, in verità io vi dico: non è Mosè che vi ha dato il pane dal cielo, ma è il Padre mio che vi dà il pane dal cielo, quello vero. Infatti il pane di Dio è colui che discende dal cielo e dà la vita al mondo». Allora gli dissero: «Signore, dacci sempre questo pane». Gesù rispose loro: «Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete, mai!». Leggi tutto “XVIII Domenica del tempo ordinario – letture”

XVII Domenica del tempo ordinario (commento) – “Che libertà può mai esserci, se la ubbidienza è comprata coi pani?”

Questa settimana la liturgia ci propone di staccarci dal vangelo di Marco, per seguire il racconto della moltiplicazione dei pani e dei pesci secondo l’evangelista Giovanni.

L’evento è probabilmente uno dei più noti della vita di Gesù, anche perché è narrato (in alcuni casi più volte) in tutti i vangeli.

Come si evince dalla prima lettura, in cui il medesimo segno avviene con il profeta Eliseo, il moltiplicare il cibo è uno dei gesti spesso attribuiti agli uomini di Dio. Anche di don Bosco, per esempio, si racconta qualcosa del genere.

Cosa vuol dire ciò? Leggi tutto “XVII Domenica del tempo ordinario (commento) – “Che libertà può mai esserci, se la ubbidienza è comprata coi pani?””

XVII Domenica del tempo ordinario – letture

Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 6,1-15)

In quel tempo, Gesù passò all’altra riva del mare di Galilea, cioè di Tiberìade, e lo seguiva una grande folla, perché vedeva i segni che compiva sugli infermi. Gesù salì sul monte e là si pose a sedere con i suoi discepoli. Era vicina la Pasqua, la festa dei Giudei. Allora Gesù, alzàti gli occhi, vide che una grande folla veniva da lui e disse a Filippo: «Dove potremo comprare il pane perché costoro abbiano da mangiare?». Diceva così per metterlo alla prova; egli infatti sapeva quello che stava per compiere. Gli rispose Filippo: «Duecento denari di pane non sono sufficienti neppure perché ognuno possa riceverne un pezzo». Gli disse allora uno dei suoi discepoli, Andrea, fratello di Simon Pietro: «C’è qui un ragazzo che ha cinque pani d’orzo e due pesci; ma che cos’è questo per tanta gente?». Rispose Gesù: «Fateli sedere». C’era molta erba in quel luogo. Si misero dunque a sedere ed erano circa cinquemila uomini. Allora Gesù prese i pani e, dopo aver reso grazie, li diede a quelli che erano seduti, e lo stesso fece dei pesci, quanto ne volevano. E quando furono saziati, disse ai suoi discepoli: «Raccogliete i pezzi avanzati, perché nulla vada perduto». Li raccolsero e riempirono dodici canestri con i pezzi dei cinque pani d’orzo, avanzati a coloro che avevano mangiato. Allora la gente, visto il segno che egli aveva compiuto, diceva: «Questi è davvero il profeta, colui che viene nel mondo!». Ma Gesù, sapendo che venivano a prenderlo per farlo re, si ritirò di nuovo sul monte, lui da solo. Leggi tutto “XVII Domenica del tempo ordinario – letture”

XVI Domenica del tempo ordinario (commento) – Pensare, fare, ricalcolare

Il brano di vangelo di questa domenica ci presenta un momento di grande fermento nel gruppo radunato attorno a Gesù.

Gli apostoli – termine che significa proprio “inviati” –, dopo essere stati mandati «a due a due» da Gesù, tornano a riferire «tutto quello che avevano fatto e quello che avevano insegnato».

«Erano molti quelli che andavano e venivano e non avevano neanche il tempo di mangiare».

Ecco perché Gesù decide di prenderli in disparte, loro soli, e di portarli in un luogo deserto a riposare. Leggi tutto “XVI Domenica del tempo ordinario (commento) – Pensare, fare, ricalcolare”

XVI Domenica del tempo ordinario – letture

Dal Vangelo secondo Marco (Mc 6,30-34)

In quel tempo, gli apostoli si riunirono attorno a Gesù e gli riferirono tutto quello che avevano fatto e quello che avevano insegnato. Ed egli disse loro: «Venite in disparte, voi soli, in un luogo deserto, e riposatevi un po’». Erano infatti molti quelli che andavano e venivano e non avevano neanche il tempo di mangiare. Allora andarono con la barca verso un luogo deserto, in disparte. Molti però li videro partire e capirono, e da tutte le città accorsero là a piedi e li precedettero. Sceso dalla barca, egli vide una grande folla, ebbe compassione di loro, perché erano come pecore che non hanno pastore, e si mise a insegnare loro molte cose. Leggi tutto “XVI Domenica del tempo ordinario – letture”

XV Domenica del tempo ordinario (commento) – Saper fronteggiare un rifiuto

Il vangelo di questa domenica ci presenta Gesù che manda i suoi discepoli.

È un’anticipazione di quello che succederà dopo l’ascensione e la Pentecoste, quando sarà la prima comunità cristiana a farsi portatrice del vangelo in tutto il mondo allora conosciuto.

Il testo presenta le modalità che Gesù suggerisce: Leggi tutto “XV Domenica del tempo ordinario (commento) – Saper fronteggiare un rifiuto”

XV Domenica del tempo ordinario (letture)

Dal Vangelo secondo Marco (Mc 6,7-13)

In quel tempo, Gesù chiamò a sé i Dodici e prese a mandarli a due a due e dava loro potere sugli spiriti impuri. E ordinò loro di non prendere per il viaggio nient’altro che un bastone: né pane, né sacca, né denaro nella cintura; ma di calzare sandali e di non portare due tuniche. E diceva loro: «Dovunque entriate in una casa, rimanetevi finché non sarete partiti di lì. Se in qualche luogo non vi accogliessero e non vi ascoltassero, andatevene e scuotete la polvere sotto i vostri piedi come testimonianza per loro». Ed essi, partiti, proclamarono che la gente si convertisse, scacciavano molti demòni, ungevano con olio molti infermi e li guarivano. Leggi tutto “XV Domenica del tempo ordinario (letture)”

XIV domenica del tempo ordinario (commento) – Gesù era un buonista?

Il vangelo di questa domenica ci presenta un primo momento di rifiuto nei confronti di Gesù, con la sua conseguente frustrazione.

Dopo il battesimo al Giordano, l’inizio della sua missione (far conoscere Dio agli umani) gli aveva riservato un discreto successo di pubblico e di apprezzamento. Ora però, che arriva «nella sua patria», cioè a Nazareth, viene «disprezzato». I suoi compaesani sono meravigliati e increduli e si pongono tutta una serie di domande screditanti nei suoi confronti.

Perché? Leggi tutto “XIV domenica del tempo ordinario (commento) – Gesù era un buonista?”